Umberto Tozzi


Umberto-tozzi-foto-concerto
Yesterday Today - Umberto Tozzi_3ok

UMBERTO TOZZI

Considerato come uno dei più grandi cantautori del panorama musicale italiano, Umberto Tozzi nasce a Torino il 4 marzo del 1952.

Il suo percorso musicale inizia nel 1968 quando, a soli 16 anni, entra negli Off Sound, un gruppo rock torinese composto da giovanissimi talenti. A Milano conosce Adriano Pappalardo, con il quale forma un gruppo di 13 elementi che gira per tutta l’Italia.

Nel 1974, a 22 anni, ottiene il primo riconoscimento con la canzone “Un corpo un’anima” scritta con Damiano Dattoli, che interpretata da Wess e Dori Ghezzi, vince l’ultima edizione di Canzonissima.

Nel 1976 debutta come solista con l’album “Donna Amante mia”, di cui fa parte una canzone portata al successo da Fausto Leali, “Io camminerò”.

Del 1977 è “Ti Amo”, uno tra i brani più famosi dell’artista, che rimane ai vertici delle classifiche per più di sette mesi, stracciando ogni record di vendita e vincendo l’edizione di quell’anno del Festivalbar.

Il 1978 è l’anno di “Tu”, che bissa in pieno il successo dell’anno precedente, mentre il 1979 è la volta di quello che forse rappresenta la più grande hit di Tozzi: “Gloria”. Questo brano, ripreso e interpretato da Laura Branigan, porta il nome di Umberto Tozzi oltre Oceano.

Il successo di Umberto Tozzi continua nei primi anni ’80 con l’album Tozzi (Poste’80), trascinato dal singolo “Stella Stai”. Nello stesso anno Umberto gira l’Italia e l’Europa con il grande staff dei musicisti americani del suo ultimo disco e pubblica il primo album live “Umberto Tozzi in concerto”.

Il 1981 è la volta invece di “Notte Rosa”, un disco rockeggiante e molto ispirato, ancora di costruzione internazionale. “Eva”, prodotto da Lucio Fabbri della PFM è invece l’album del 1982. Il 1982 è anche l’anno in cui Umberto riceve il GOLDEN GLOBE (mappamondo d’oro) premio ottenuto con oltre 27 milioni di copie vendute in soli 5 anni.

Nel 1983 Tozzi esce con il singolo “Nell’aria c’è”, seguito nel 1984 dall’album “Hurrah”. A questo Lp segue una pausa di alcuni anni in cui l’artista cerca nuove motivazioni.

Nel 1987 Umberto torna alla ribalta con due nuovi successi: “Si può dare di più” che cantata insieme a Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri, vince il Festival di Sanremo e “Gente di Mare” in duetto con Raf, che si classifica terza all’Eurofestival.

Nel 1988 pubblica la raccolta “Minuti di un’eternità”, e a novembre del medesimo anno esce con l’album di inediti “Invisibile”. Il 1988 è l’anno della pubblicazione del secondo live “Royal Albert Hall”, registrato nell’omonimo teatro di Londra. Questo disco, ancor oggi considerato una vera “perla live”, porta Umberto Tozzi ai vertici delle classifiche con oltre 300.000 copie vendute.

La carriera di grande artista prosegue anche negli anni ’90 con melodie sempre più ricercate che portano alla luce “Gli altri siamo noi” (oltre 400.000 copie vendute) datata 1991, la cui title track fu presentata a Sanremo con grande successo. Nello stesso anno esce con una nuova raccolta, “Le Mie Canzoni” raggiungendo nuovi record di vendita in Italia (4 platini) come all’estero.

Nel 1994 Umberto Tozzi esce con un nuovo lavoro, “Equivocando”, che segna il ritorno alla collaborazione con Greg Mathieson, portando Umberto a vincere nuovamente il Festivalbar con il brano “Io muoio di te”. E’ il 4° album più venduto nel 1994 con oltre 350.000 copie.

Il 1996 è invece l’anno de “Il Grido”, considerato uno dei lavori più belli dell’artista torinese. L’album riceve ad un mese dalla sua uscita il disco di platino (100.000 copie vendute). Nel 1997 Umberto collabora con Mogol all’album “Aria e cielo”, un lavoro che riporta Tozzi su un livello più melodico. Il singolo che lo lancia e’ “Quasi Quasi”.

Nel 1999 pubblica la raccolta “Bagaglio a mano”, una rivisitazione musicale in chiave più moderna delle sue canzoni. Con Sanremo 2000 Umberto Tozzi si ripresenta alla manifestazione canora ancora diventando protagonista a tutti gli effetti con il brano “Un’altra vita”, tratto dall’ omonimo album. A conferma dell’apice del successo di Tozzi e delle sue raccolte, nel 2001 esce in Spagna “Grandes exitos”, un album di successi in versione spagnola che rimane in classifica per 8 mesi vendendo oltre 150.000 copie.

Nell’agosto del 2001 in Francia interpreta, nella colonna sonora del film “Asterix e Obelix”, la canzone “Ti amo”, in coppia con Monica Bellucci.

Nel 2002 ancora con “Ti amo” in duetto con Lena Ka riesce a vendere quasi 1.000.000 di copie in Francia. In seguito pubblica il nuovo album “The best of Umberto Tozzi”, doppio cd contenente tutti i suoi più grandi successi e due nuovi inediti: “E non volo”, “Angelita”, e tre versioni in inglese di tre grandi successi internazionali “Ti amo”, “Gloria” e “Gli altri siamo noi”. Questo disco supera le 150.000 copie.

Nel 2003, a grande richiesta del pubblico francese, Tozzi, in duetto con Cerenà, interpreta “Tu” e ottiene un grandissimo successo sfiorando le 200.000 copie di singoli venduti (pubblicando il singolo anche in versione video).

Tra Stati Uniti e Italia nel 2004 realizza le registrazioni di ‘Le parole’, brano che presenta a Sanremo e che porta il nome all’omonimo nuovo album di inediti pubblicato il 4 marzo 2005. Questo nuovo capolavoro viene distribuito anche nella versione spagnola “Solo Palabras” con cinque brani in lingua Castellana.

Nel 2006 Umberto lascia la casa discografica Warner Music e pubblica per la MBO “Heterogene”, un disco di musica Lounge-Ambient. Il progetto musicale dalle sonorità raffinate contiene una singolare versione de “Gli altri siamo noi”. Nello stesso anno la Warner pubblica una doppia raccolta che racchiude 30 anni di successi dal titolo “TuttoTozzi”, che supera le 150.000 copie vendute.

Sempre nel 2006, Umberto incide con l’artista italiano Marco Masini, l’album “Tozzi Masini”, composta da 16 tracce tra cui: un brano di Masini cantato da entrambi, sei canzoni di Tozzi cantate da Masini, sei canzoni di Masini cantate da Tozzi e tre inediti. I due cantautori ricevono una nomination al Venice Music Awards 2006, vincendo il premio “Miglior tour dell’anno”.

Il 2009 è un anno pieno di progetti per il cantautore torinese: il 23 gennaio è uscito per Universal Music l’album “Non Solo Live”, la raccolta delle esibizioni dal vivo più emozionanti di Umberto, mentre il 4 aprile è stato pubblicata da Aliberti Editore l’auto-biografia “Non Solo Io”. Il 18 settembre sempre per Universal Music esce “SUPERSTAR”: 16 tracce contenute nei “lati B” degli Lp di Umberto, riarrangiate in collaborazione con Matteo Gaggioli, alle quali si aggiunge come bonus track la versione live di “Ti amo”, che per molto tempo è stata la colonna sonora dello spot di Vodafone.

Il 2012 è l’anno d’uscita di un nuovo disco d’inediti, “Yesterday Today”, doppio album composto da un cd con brani registrati in studio e un CD best of con brani riarrangiati. Nella versione francese dell’album, è contenuto il duetto con il celebre artista francese Francis Cabrel, dal titolo Petite Marie. Tra il 2012 e il 2014 il grande artista italiano è protagonista di un tour internazionale che lo ha visto in giro per il Mondo per ripercorrere le diverse tappe della sua straordinaria carriera musicale. Il 1 Dicembre 2012 Umberto registra il suo primo dvd live durante il concerto al Gran Teatro Geox di Padova (data sold out).

Nel gennaio del 2014, il brano “Gloria” viene scelto da Martin Scorsese, come colonna sonora del film, The Wolf of Wall Street, con protagonista Leonardo di Caprio e candidato al Premio Oscar.

Dopo quasi tre anni di assenza dalle scene musicali l’artista torinese torna con grande entusiasmo con un nuovo progetto musicale d’inediti, “Ma che spettacolo”, in uscita il prossimo 30 Ottobre su etichetta Momy Record distribuito Sony Music.

Umberto Tozzi nella sua carriera ha venduto nel mondo più di 75 milioni di copie di dischi.